Gulden Draak, la stout di Beowulf

La linea Gulden Draak è una serie di birre prodotta dal birrificio belga Van Steenberge, che dalla sua fondazione nel 1791 ha cambiato nome e si è più volte innovato negli anni, rimanendo comunque in mano alla discendenza dell’originale fondatore.

Le Gulden Draak sono un omaggio al drago d’oro che sovrasta la città di Gand (o Gent, in fiammingo), legata in vario modo alla storia del birrificio, che secondo la leggenda apparteneva alla prua della nave di un re svedese del XII secolo in partenza per le crociate.

La Imperial Stout è la più forte della serie con i suoi 12 gradi alcolici, oltre ad essere una delle pluripremiate edizioni limitate del Van Steenberge. All’appuntamento con il bicchiere si presenta con un abito nero dai riflessi rubino, sotto un grande e persistente cappello di schiuma beige. I profumi intensi di caramello e liquirizia si ripresentano anche sulla lingua assieme a note di caffè e cioccolato, in un sapore deciso che mette in mostra la potenza del gran numero di malti utilizzati per questa birra, in un corpo ricco ma ben bilanciato, che non tradisce la forte gradazione alcolica (quella si fa sentire dopo, credetemi).

Questa è una birra forte e tosta, ottima per rendere omaggio ai guerrieri negli storici banchetti nordici o per accompagnare la lettura delle gesta di uno di questi, come Beowulf. Leggendario personaggio della cultura norrena, nel poema epico omonimo si legge addirittura che in età avanzata si troverà a combattere contro un drago a guardia di un immenso tesoro… direi che alzare un calice di birra al suo nome è quasi d’obbligo.

Stando alle leggende, poi, sembra che sia il drago d’oro di Gand, sia Beowulf, appartengano alla tradizione svedese, e chissà che la scultura dorata non fosse proprio una rappresentazione della creatura affrontata dal nostro guerriero.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts