USA: La birra raccoglie $3,5 milioni per la lotta contro la SLA

Negli ultimi 7 anni, il progetto Ales for ALS™ ha raccolto 3,5 milioni di dollari nel suo impegno per la lotta alla SLA. In realtà, non è una sola birra ad aver permesso tutto ciò, ma la collaborazione diffusa di diversi birrifici americani accomunati dall’adesione ad Ales for ALS™. Quest’iniziativa nasce con l’obbiettivo di aumentare la consapevolezza verso la sclerosi laterale amiotrofica (abbreviata in SLA e chiamata anche Malattia di Lou Gehrig), oltre che racimolare denaro da donare alla ricerca per una cura. L’idea nasce nello stato di Washington, da Meghann Smith, suo marito Kevin Quinn, il fratello di lei Kevin Smith, co-proprietari della Bale Breaker Brewing Company, oltre che dai genitori di Meghan, Mike e Cheryl Smith, proprietari di YCH Hops e Loftus ranch.

La famiglia Smith ha dovuto più volte fare direttamente i conti con la SLA, cosa che l’ha portata a creare un progetto che permettesse di aiutare la ricerca contro questa malattia degenerativa.

Nel 2013, infatti, nasce Ales for ALS™, un’iniziativa che annualmente prevede che l’azienda agricola di famiglia Loftus Ranches doni una miscela unica di il luppolo a qualsiasi birrificio richieda di partecipare, scegliendo di produrre una birra dalla cui vendita verrà donato 1$ ogni pinta. Il denaro andrà all’ALS Therapy Development Institute di Boston, uno dei più avanzati in tutta America. 

Nel solo 2013, Ales for ALS™ ha raccolto 130mila dollari, grazie alla partecipazione di 33 birrifici. Negli anni questi numeri erano destinati ad aumentare, tant’è che al termine del 2020 il progetto contava oltre 190 birrifici e 3,5 milioni di dollari raccolti e donati alla ricerca contro la SLA.

L’intero settore artigianale americano ha risposto alla grande a questo progetto (tanto che nei primi due anni la famiglia Smith aveva paura di finire le scorte di luppolo, racconta Kevin Quinn), dimostrandosi ancora una volta fondamentale nella costruzione e nella coesione di una comunità che agisce concretamente per la ricerca contro questa malattia. 

Total
0
Shares
Related Posts