Nein⁵, essenza dell’ucronico paradosso

Di questa birra abbiamo già detto tanto nel nostro articolo, e sappiate che (per assurdo) è complicato dire qualcosa di più su una birra che è già nata per imbottigliare l’essenza di un’opera. Ma ciò non significa che non ci proveremo. 

Iniziamo con il dire che questa Weisse Dunkel si presenta nel bicchiere con un colore ambrato carico e torbido, con un deciso aroma di malto che lascia man mano spazio a note sempre più definite di banana. Al palato, il primo impatto è specialmente amaro, che lascia lentamente il posto a sapori che ricordano quelli già percepiti all’olfatto (anche se la banana è molto timida). Tutto in questa birra la rende semplice, leggera, quasi canzonatoria. A partire dal grado alcolico (5,4%) assolutamente sopportabile, fino alla narrativa dell’etichetta. La Nein^5 (o “Nein Nein Nein Nein Nein”, se volete far ridere il publican) è forse il punto d’incontro tra due semplici leggerezze ragionate: il Dr. Barbanera e Sturmtruppen. Da una parte, un birrificio che ha fatto della giocosa complessità ucronica (onirica, oserei dire) il suo marchio di fabbrica, dall’altra un fumetto che è stato un pezzo di storia d’Italia e che ha usato la seriosità storica in contrasto con situazioni di una semplicità disarmante (si notino le affinità, grazie). 

Di fronte a quest’ultima frase, fatta di paroloni anche desueti (la parola “desueto” è desueta essa stessa), emerge fortemente una considerazione: della Nein^5, del Dr.Barbanera e di Sturmtruppen, si possono apprezzare tantissime cose, non ultima la sua leggerezza. Attenzione però: guai a parlarne come se fosse una cosa banale, perché ogni cosa in cui un essere umano mette passione, porta con sé un gradiente di emotività da non poter trascurare. 

Total
0
Shares
Related Posts