Dopo i mesi difficili, BrewDog lancia la campagna Beer for All

Dopo le recenti vicissitudini che hanno visto il gigante scozzese BrewDog al centro di diverse polemiche sulla tossicità del proprio ambiente lavorativo (e non solo), il gigante scozzese ha lanciato da poco una campagna pubblicitaria basata sull’inclusività sociale e sulla salvaguardia dell’ambiente, con l’obbiettivo raggiunto della produzione carbon negative.

Con “Beer for All”, il birrificio vuole sottolineare il suo traguardo nell’essere il primo birrificio a emissioni zero al mondo, compensando la sua carbon footprint (la CO2 emessa durante il processo produttivo) con iniziative green diffuse su tutto il pianeta.

Il percorso fino a questa campagna pubblicitaria non è stato facile: a giugno, oltre 250 ex dipendenti del birrificio hanno scritto una lettera aperta accusando il marchio di mascherare un ambiente lavorativo basato sulla paura, con una comunicazione pubblica falsamente positiva. Dopo questo smacco, ci sono state accuse rivolte alle lattine dorate messe in palio da BrewDog, che si sono rivelate invece fatte di ottone (e solo ricoperte d’oro per 3 millesimi di millimetro). Come se non bastasse, la campagna pubblicitaria per i suoi hard seltzer è stata bloccata per affermazioni errate sui valori nutrizionali dei prodotti.

Insomma, la prima metà del 2021 non è stata affatto facile per BrewDog, tanto che con questa nuova campagna pubblicitaria sembra quasi volersi prendere una sorta di rivincita verso le difficoltà incontrate negli scorsi mesi. Che si tratti di colpe o di errori volontari, non sta a noi giudicare il marchio per le accuse ricevute nel recente passato. Ciò che è certo, è che un traguardo ambientale tanto importante come una produzione completamente carbon negative, è sicuramente un qualcosa da sottolineare con gioia. Amanti della birra e non.

Total
0
Shares
Related Posts