Nuove accuse per Mikkeller: a rischio il suo Beer Festival?

Non c’è pace per Mikkeller. Dopo le accuse subite da ex dipendenti nei mesi di giugno e luglio, in cui si parlava di presunti comportamenti discriminatori, queste stesse accuse si stanno ripercuotendo ancora oggi a distanza di mesi. Alla vigilia del Mikkeller Beer Celebration Copenhagen (MBCC), l’importante kermesse della birra organizzata dal birrificio danese, diversi birrifici hanno già ritirato la loro adesione al festival sulla spinta (sembra) di alcune pressioni da parte di alcuni gruppi di attivisti, come scrive Good Beer Hunting.

Quella programmata per il 22 e il 23 ottobre (ma con appuntamenti che vanno dal 18 al 24) è ormai la nona edizione del Mikkeller Beer Celebration Copenhagen, con la partecipazione di un centinaio di birrifici da tutto il mondo e più di 9000 utenti Facebook registrati all’evento. Numeri importanti che amplificano i 26 birrifici ritiratisi dall’MBCC, ponendo seriamente il rischio che un evento così importante si ritorca conto il birrificio, in un momento tanto delicato per la sua reputazione.

A seguito di questi abbandoni, sui social si è iniziato a parlare del marchio danese come “un’azienda che non ha fatto nulla per affrontare le accuse di molestie”. Di fronte questo subbuglio, Mikkeller stesso ha deciso di affidare ai social un comunicato in cui afferma tutto il suo impegno per un ambiente di lavoro inclusivo in ogni sua sede, scrivendo che il birrificio sostiene “l’attivismo per la giustizia sociale, i luoghi di lavoro sicuri e l’inclusione. Abbiamo risposto chiaramente a qualsiasi accusa di maltrattamenti verso i dipendenti Mikkeller e continuiamo a dare la priorità a un posto di lavoro sicuro e inclusivo sopra ogni altra cosa”. A sottolineare il tutto, il birrificio ha stilato 4 pagine di codice etico per i volontari e i collaboratori che lavoreranno al Beer Celebration, sottolineando comportamenti da evitare e come segnalarli.

Il Mikkeller Beer Celebration Copenhagen è effettivamente a rischio? La risposta a 3 giorni dall’inizio sembra essere “no”. Di certo i 26 birrifici ritirati fanno rumore, e tanto. Non è ancora chiaro quante e quali accuse nei confronti di Mikkeller siano state verificate; ciò che è certo, invece, è che il marchio danese sembra non riuscire a venir fuori dall’occhio del ciclone.

Total
0
Shares
Related Posts