Boom della birra artigianale entro il 2027: un nuovo studio

Cambiamenti positivi e le continue innovazioni in termini di gusto saranno al centro dello sviluppo della birra artigianale a livello mondiale. Lo studio arriva dal centro dati internazionale Fortune Business Insights, che ci parla di un valore del mercato che raddoppierà in 8 anni. Nel 2019, infatti, la birra artigianale ha toccato gli 89,25 miliardi di dollari, mentre lo studio stima che nel 2027 supererà i 190 miliardi. Un’esplosione in piena regola, dunque, capace di far risollevare un settore che fino a poco tempo fa era ritenuto di nicchia (quantomeno nel nostro Paese).

I punti cardine di questo boom, secondo Fortune Business Insights, saranno birrifici e millenials, con i primi che creeranno prodotti sempre più accattivanti, incentivando così la distribuzione tra pub e locali, mentre i secondi si affacceranno sempre con maggiore insistenza a questo trend. Secondo il rapporto “I birrifici emergenti e indipendenti, per migliorare la produzione di birra e per servire la domanda sempre crescente dei consumatori, stimoleranno ulteriormente una crescita sana per il mercato“. Dal canto suo, la Brewers Association ha calcolato come i produttori di birra artigianale negli Stati Uniti abbiano prodotto 26,3 milioni di barili nel 2019, con un aumento del 4% rispetto all’anno precedente. Questo, secondo Fortune Business non è altro che l’inizio di questo trend assolutamente positivo.

Secondo il rapporto, uno dei mercati principali della scena craft internazionale sarà l’Asia (di cui avevamo già parlato qualche tempo fa), dove aumenteranno domanda e offerta di unicità e prodotti artigianali. Dal canto suo, un altro attore importante di questo trend fortunato sarà il Nord America, grazie alla sua scena artigianale briosa e sempre ricca di novità. Stabile, invece, l’Europa con un mosaico in equilibrio tra realtà storiche e innovazioni che continuerà il suo periodo positivo (Covid permettendo).

Total
0
Shares
Related Posts